E’ bastato un niente: sbagliare l’appoggio quando ormai la velocità era ridotta a zero per ritrovarsi a ruote all’aria