La Spagna ha dichiarato guerra all’alta velocità e in previsione dell’estate ha installato una serie di fotocamere sulle arterie viarie maggiormente frequentate dai motociclisti, attivando anche un massiccio monitoraggio dei social. La prima “vittima” in Asturia